Covid, restrizioni, vaccini, proteste, schieramenti politici, reazioni e informazione, hanno infiammato gli animi di migliaia di persone, in questi due anni. Le “fazioni”, un po’ nate spontaneamente, un po’ pompate dall’una e dall’altra testata giornalistica, si sono date battaglia sui social, nelle piazze, molto meno democraticamente nei salotti televisivi,Continua a leggere

  L’elezione della più alta carica dello Stato include inevitabilmente e naturalmente un coinvolgimento di aspetti ideali e valoriali. E diciamocelo, non ci siamo proprio… Il Presidente della Repubblica dovrebbe incarnare i più alti valori del Paese, i principi cardine dello Stato, espressione degli ideali fondanti la Costituzione. Senza necessariamenteContinua a leggere

Di questi giorni l’uscita, ampliamente pubblicizzata, del film sequel “Come un gatto in tangenziale”, con i bravissimi Albanese e Cortellesi. Il periodo natalizio e la natura comica degli attori, oltre che lo stesso titolo, farebbe pensare al classico “cine-panettone” dei Vanzina, di cui tutto sommato si sente anche la mancanza.Continua a leggere

Il Tribunale ha, giustamente, riconosciuto come i rider vadano considerati lavoratori subordinati. Ben venga questa sacrosanta pronuncia del giudice, certamente corretta e portatrice di una giusta tutela verso questo piccolo gruppo di lavoratori. Ma questa sentenza (come tante altre in Italia) puzza di ipocrisia e perbenismo, non certo per la pronunciaContinua a leggere

Ho assistito non senza compassione al triste siparietto Renzi – Gruber – Travaglio. Vi consiglio di cercarlo on line per dare un po’ di colore a questo grigio lunedì autunnale. Stavo inizialmente facendo l’errore di relegare questo imbarazzante momento di televisione nei meandri del web quale perfetto esempio di tvContinua a leggere

Coraggiosamente.it_immigrazione_muri_europa

Preferivo sinceramente lo sguardo truce dell’ Ufficiale Gentiluomo o persino quello malizioso di American Gigolò a questa triste “comparsata” di Richard Gere che ricorda più la malinconica ironia dell’italico “Amici miei”, con tanto di “schiaffoni” agli italiani che credono che la Res Publica ed i suoi ministri siano ancora unContinua a leggere